Progetto Scuole

L’educazione è l’arma più potente che si possa usare per cambiare il mondo.
Nelson Mandela

logo_lpp-educational

Liberation Prison Project

per le Scuole

Cosa facciamo

Benvenuto nella nuova sezione Liberation Prison Project Educational, un’iniziativa innovativa di prevenzione pensata per i giovani. Attraverso una serie di tre incontri esperienziali e interattivi, i nostri operatori entrano nelle classi per affrontare temi fondamentali come il reato, l’ascolto empatico e l’incontro con l’altro. Grazie a laboratori pratici e coinvolgenti, i ragazzi imparano a riflettere sulle proprie azioni, sviluppare empatia e costruire relazioni positive, mettendo le basi per un presente e per un futuro più sicuri e inclusivi. Scopri di più su come il nostro programma può fare la differenza.

I appuntamento

Il Reato

I appuntamento
  • Conosco l’Associazione
  • Conosco il mio gruppo e articolo il mio sentire
  • Brainstorming sul reato
  • Affondo e restituzione sul brainstorming
  • Scatola anonima: “Cosa mi aspetto da questi incontri?“

II appuntamento

L’ascolto empatico

II appuntamento
  • Teoria: cosa si intende per Ascolto Empatico
  • Laboratorio esperienziale
  • Restituzione dei vissuti
  • Mi preparo all’incontro con la persona che ha commesso un reato

III appuntamento

Incontrarsi

III appuntamento
  • Accogliamo la storia dell’altro
  • Domande e riflessioni a confronto
  • Restituzione finale
i-nostri-obiettivi

I nostri obiettivi

Affrontare il tema del reato e della complessa realtà che lega ogni individuo al mondo della detenzione, sia come possibile autore di un “errore-reato“, sia come soggetto e cittadino attivo, affinché si possa ricostruire un nuovo e più consapevole patto sociale

Intervenire a livello educativo e di prevenzione già nelle prime classi della scuola secondaria di II grado, in virtù dell’età di chi commette reati, a volte purtroppo molto giovane.

Sviluppare consapevolezza rispetto alle proprie dinamiche relazionali

Rafforzare una responsabilità sociale volta alla comprensione della complessità che accompagna spesso le azioni criminali

Esplorare nuove prospettive di inclusione e reinserimento per una maggiore sicurezza sociale.

Sei un insegnante?

Se sei un insegnante o conosci qualcuno che lavora nelle scuole e che pensi possa essere interessato al nostro progetto,
scrivici all’indirizzo educational@liberationprisonproject.it

Diventa parte del nostro progetto

Abbiamo seminato un’idea, ma per vederla crescere abbiamo bisogno del vostro sostegno. La differenza la fate voi.

Potete contribuire al nostro progetto con una donazione o condividere contatti utili per portare avanti questa iniziativa nelle scuole.

Aiutateci a far sbocciare questo fiore!

Adotta una scuola

Con il tuo contributo, potremo espandere il nostro progetto in tutta Italia. Ogni donazione conta e ci aiuta a sostenere questo progetto. Puoi scegliere se adottare una scuola (€250), una classe (€100) o uno studente (€25).

Insieme possiamo fare la differenza nel futuro dei nostri giovani. Grazie per il tuo sostegno!

Le nostre responsabili del progetto

laura-loparco

Laura Loparco

Operatrice presso il carcere di Milano-Bollate
Leggi tutto

Laura conduce gruppi di consapevolezza e incontri individuali presso il carcere di Milano-Bollate e coordina le attività anche degli altri colleghi che operano in questo Istituto.
La sua formazione ha inizio in ambito sportivo, prima come istruttrice poi nel ruolo di direttore generale di una società di pallavolo di serie B. Questa esperienza le ha consentito di sviluppare attitudini al “sentire”, accogliere e incanalare le aspirazioni dei ragazzi del suo team. In seguito ha integrato la sua formazione diplomandosi Insegnante Yoga, operatrice Shiatsu e acquisendo il titolo di Mindfulness Counselor presso la scuola Mindfulness Project. Docente di mindfulness e consapevolezza corporea per master di II livello presso la facoltà di veterinaria dell’Università di Napoli Federico II. Le sue competenze le hanno fatto maturare una vasta esperienza nel favorire processi di consapevolezza nelle persone a cui offre setting individuali o di gruppo.

sabrina-negretti

Sabrina Negretti

Operatrice presso il carcere di Milano-Bollate
Leggi tutto
Sabrina è counselor e mediatrice dei conflitti in ambito penale reo-vittima, familiare, scolastico e sociale. Svolge attività di counseling per il sostegno alla persona e nelle relazioni. Nel 7° reparto presso la Casa di Reclusione Milano-Bollate, conduce gruppi di consapevolezza e percorsi individuali, dedicati alle persone detenute e ai loro familiari. Svolge coordinamento e supervisione dell’attività “Nuovi Giunti” in équipe con i detenuti, i funzionari e i volontari dell’Ass.Cuminetti. Mediatrice dei Conflitti in ambito penale, familiare, scolastico e sociale, è socia e collaboratrice della Coop Sociale DIKE per la mediazione dei conflitti per la promozione e diffusione della Giustizia Riparativa e della Mediazione. Sviluppa percorsi di Counseling Educativo, dedicati alle scuole primarie e secondarie di 1° grado. In ambito Mindfulness, ha seguito i percorsi base e avanzato di Mindfulness Compassion Experience (MCE), e il Master in Mindfulness and Compassion (MCM).

Iscriviti alla nostra newsletter