Diventa Operatore LPP Italia: Formazione

Se utilizziamo il tempo e l’esperienza dell’essere in prigione per praticare la meditazione di consapevolezza, ecco che il nostro essere in prigione diventerà un ritiro anche se le persone fuori crederanno che siamo in carcere.
Lama Zopa Rinpoce

Corso di Formazione per Operatori Liberation Prison Project Italia

Istituto Lama Tzong Khapa, Pomaia (PI)

Il Corso di formazione per Operatori di Liberation Prison Project Italia è il primo atto di un percorso formativo che abilita a essere operatori certificati di Liberation Prison Project Italia.

Il corso risponde pienamente alla missione e visione statutaria e ha come base fondante formare figure competenti, consapevoli e compassionevoli in grado di favorire e promuovere nelle persone detenute lo sviluppo di una più ampia coscienza di sé attraverso gli insegnamenti millenari della tradizione buddhista.

Il corso è strutturato per permettere ai partecipanti di acquisire elementi teorici e pratici per operare nell’ambito dei progetti propri dell’Associazione (in relazione con la Direzione penitenziaria, a contatto con la popolazione carceraria, gli operatori e gli agenti di Polizia Penitenziaria) e in costante interdipendenza con i supervisori di progetto. È altresì obiettivo integrante del corso fornire appropriati strumenti di intelligenza emotiva per lo sviluppo interiore del futuro operatore. Quest’ultimo, per essere di beneficio agli esseri senzienti in difficoltà, dovrà essere in grado di monitorare costantemente il proprio equilibrio emozionale, sia all’interno che all’esterno delle attività proprie di Liberation Prison Project Italia.

Il corso ha avuto finora due edizioni, concluse con successo, e partirà a settembre 2021 una nuova edizione, per il terzo anno, con il patrocinio e in collaborazione con l’UBI – Unione Buddhista Italiana.

Struttura del Corso

Il corso di formazione, della durata di 60 ore, si svolge durante 5 fine settimana (sabato tutto il giorno, domenica mattina). Inoltre i partecipanti, al fine del conseguimento e del mantenimento dell’idoneità al ruolo di Operatori Liberation Prison Project Italia, dovranno portare a termine le seguenti attività che sono da ritenersi obbligatorie su base annuale:
1. tirocinio e supervisione da concordare con l’Associazione;
2. nr. 1 ritiro intensivo (mercoledì sera – domenica mattina) di studio, aggiornamento e meditazione, all’anno e in presenza, che verrà organizzato e comunicato da Liberation Prison Project Italia;
3. se impossibilitato/a a partecipare a quanto al punto 2: nr. 1 ritiro o insegnamento, all’anno, presso un Centro aderente a UBI – Unione Buddhista Italiana. Tale attività dovrà essere segnalata a Liberation Prison Project Italia e certificata dal Centro presso il quale è stata svolta;
4. con cadenza quadrimestrale una giornata di formazione/aggiornamento online organizzata e a cura di Liberation Prison Project Italia.
5. Tesseramento annuale all’Associazione (30 euro)

Programma del Corso

PRIMO MODULO

Docente: Fabio Fassone
Studio e pratica meditativa
I quattro Equilibri della sfera emotiva

  • Presentazione del contesto di riferimento
  • l’Equilibrio conativo
    • aspetti relativi alla disfunzionalità: deficit e iperattività
    • la pratica meditativa di riferimento
  • l’Equilibrio attenzionale e la sua pratica di consapevolezza
    • aspetti relativi alla disfunzionalità: deficit e iperattività
    • la pratica meditativa di riferimento
  • l’Equilibrio attenzionale e la sua pratica di consapevolezza
    • la pratica meditativa di riferimento
  • l’Equilibrio cognitivo
    • aspetti relativi alla disfunzionalità: deficit e iperattività
    • la pratica di consapevolezza di riferimento
  • l’Equilibrio emozionale
    • aspetti relativi alla disfunzionalità: deficit e iperattività
    • la pratica di consapevolezza di riferimento

 

SECONDO MODULO

Docente: Massimo Bonomelli

  • Presentazione Liberation Prison Project Italia
  • Presentazione del corso di formazione
  • Autopresentazione partecipanti
  • Immaginario carcerario: come me lo immagino e emozioni correlate.

La realtà del carcere

  • I vari tipi di carcere
  • Operatori
    • Direzione
    • Polizia penitenziaria
    • Educatori
    • Altro
  • La popolazione detenuta
    • Elenco delle emozioni distruttive in carcere
    • Disturbi specifici della popolazione penitenziaria
  • Ruolo operatore Liberation Prison Project Italia
    • Confini
    • Responsabilità
    • Competenze
    • Aspettative

 

TERZO MODULO

Docente: Massimo Bonomelli

Parte emozionale

  • Motivazione
  • Laboratorio
    • come sto davanti a: omicida, pedofilo, spacciatore, mafioso, stupratore?
    • quali risorse sento?

Applicazione del Dharma in carcere

  • Principali temi e contenuti nei gruppi
  • La verità della sofferenza in carcere
  • Fantasmi del passato e del futuro
  • Identificazione e dis-identificazione
  • Emozioni distruttive
  • Potenziale della mente
  • Il condizionamento

La conduzione del gruppo

  • Modello di conduzione LPP
  • Linee guida per la conduzione
  • Le regole nel gruppo

 

QUARTO MODULO

Docente: Fabio Fassone

Elementi tratti dal programma CEB – Cultivating Emotional Balance

  • Le sette emozioni universali: Rabbia, Felicità, Paura, Tristezza, Sorpresa, Disgusto, Disprezzo
  • I Temi universali e i Bisogni propri delle Emozioni universali
  • I Detonatori
  • Il Database degli allarmi emozionali
  • Il Programma emozionale
  • Il Periodo refrattario e la trasposizione dei Copioni
  • La Time-line emotiva in tutte le sue componenti

 

QUINTO MODULO

Docente: Massimo Bonomelli

Il progetto

  • La redazione di un progetto
  • La struttura degli incontri
  • Condivisione dei progetti
  • Colloqui individuali
  • Conclusione

I NOSTRI FORMATORI

Massimo Bonomelli

Docente

Collabora con Liberation Prison Project dal 2013 dove ha condotto per sei anni presso il Carcere di Milano Bollate un gruppo settimanale di consapevolezza con le persone detenute. Per LPP è anche formatore di nuovi operatori e supervisore. Ha approfondito la meditazione vipassana con Bhante Sujiva e fa parte del gruppo di insegnanti di meditazione dell’Associazione Pian dei Ciliegi. Ha partecipato al ritiro di Shamata di 8 settimane condotto da B. Alan Wallace. Insegna yoga a Milano dal 2003 al GRT secondo gli insegnamenti del Dr. Bhole e guida percorsi di mindfulness ispirati alla tradizione dello yoga e della meditazione, oltre che al protocollo MBSR di Jon Kabat-Zinn di cui ha seguito il ‘7 days training – MBSR in Mind-Body Medicine’. È counselor diplomato presso la Scuola di Mindfulness Counseling, socio YANI (Yoga Associazione Nazionale Insegnanti) e laureato in economia e commercio.

Fabio Fassone

Docente

Musicista e consulente senior direzionale. È insegnante certificato CEB – Cultivating Emotional Balance, California University – S. Francisco e Santa Barbara Institute for Consciousness Studies e ha conseguito l’abilitazione CEBTT – Cultivating Emotional Balance Teacher Training con Eve Ekman, Ph.D (per gli aspetti psicologici e cognitivi legati alle emozioni universali) e B. Alan Wallace, Ph.D, per la formazione alle pratiche di meditazione. È docente di Equilibrio emotivo presso UNIPI – Università di Pisa, Dipartimento di Patologia chirurgica, medica, molecolare e dell’area critica per il master in “Neuroscienza, Mindfulness e Pratiche contemplative”. Tiene regolarmente corsi presso l’Istituto Lama Tzong Khapa dove ha portato a termine il Basic Program, programma triennale di Studi Buddhisti di Sutra e Tantra.

Gallery fotografica di corsi precedenti