Liberation Prison Project – Italia

logo_start-2Liberation Prison Project nasce negli USA nel 1996 dalla monaca buddhista Robina Courtin che ha poi contribuito alla sua diffusione in Australia, Mongolia, Messico, Nuova Zelanda e in Europa.
In Italia opera negli Istituti Penitenziari con persone detenute e dipendenti e all’esterno con persone tornate in libertà.

Promuove percorsi di consapevolezza finalizzati alla trasformazione delle emozioni negative e allo sviluppo di stati mentali positivi; l’allenamento alla consapevolezza avviene utilizzando pratiche e saperi mutuati dalla tradizione buddhista e integrati con la psicologia occidentale. I percorsi si collocano all’interno della visione dell’etica secolare e della responsabilità universale promossa dal Dalai Lama e sul piano penitenziario nell’ambito della pena trattamentale finalizzata alla diminuzione della recidiva e del costo sociale.